SIMPLY ITALIAN, I GRANDI VINI VOLANO ALLA CONQUISTA DELLA RUSSIA
Torna a fine maggio la manifestazione di punta dedicata all’enologia italiana

 

 

Riflettori puntati su Mosca e San Pietroburgo, che Il 30 e 31 maggio ospiteranno la nuova edizione di Simply Italian Great Wines, manifestazione promossa come di consueto da I.E.M. (International Exhibition Management) per sostenere e consolidare la conoscenza della produzione vitivinicola italiana di qualità in quelli che a tutti gi effetti risultano essere i Paesi di maggior interesse per la nostra esportazione.
Tra questi la Russia che, con oltre un miliardo di litri di vino consumati nel 2010, 30 milioni di potenziali clienti “premium” e un consumo medio pro capite di 7 litri l’anno, viene considerata un mercato di importanza strategica per i produttori italiani.


Con queste premesse l’appuntamento di fine maggio nasce sotto i migliori auspici: oltre 50 le aziende partecipanti tra cui importanti gruppi quali Uvive, Assovini, Istituto del Vino di Qualità Grandi Marchi, nonché i principali importatori russi: Arsenal, Garage Wine, Simple, Dp Trade, White Hall, MBG e Winedom.
Alle giornate russe prenderanno inoltre parte i partners italiani del progetto EAT (European Art of Taste), il piano promozionale finanziato dall'Unione Europea per incentivare la diffusione a livello mondiale della cultura agroalimentare europea.
In virtù di tale collaborazione, i visitatori di Simply Italian potranno quindi apprezzare anche le proposte dell’Istituto del Vino Italiano di Qualità - Grandi Marchi, che riunisce 17 aziende top dell'enologia italiana, e di un significativo pool di soggetti di rilievo del settore food formato dall’Unione Seminativi (pasta), il Consorzio di Tutela Provolone Valpadana e l’IVOLI, l’Istituto per la valorizzazione dell’olio d’Oliva di Qualità.
Simply Italian, che in questa tappa russa prende il nome di Solo Italiano, inizierà il 30 maggio al centro fieristico New Manege di Mosca, con un intenso programma di lezioni d’approfondimento, degustazioni guidate, show culinari e workshop commerciali dedicati a operatori di settore, stampa specializzata e opinion leader. 

Ad aprire i lavori un importante seminario dal titolo: “Il vino italiano in Russia, tra fattori di successo e le sfide del mercato”, con l’ambasciatore italiano a Mosca, Antonio Zanardi Landi, il presidente di Federvini e del CEEV, Lamberto Gancia, il direttore dell’ICE di Mosca, Roberto Pelo, il presidente dell’Associazione importatori di vino russi Mikhail Blinov, ed esponenti del governo russo in rappresentanza del Parlamento, dei Ministeri dello Sviluppo Economico e dell’Industria e del Commercio, oltre a funzionari della Federal Agency on Alcohol Regulations.
Il 31 maggio Simply Italian si sposterà poi a San Pietroburgo, nella splendida cornice barocca del Grand Hotel Europe, dove i produttori avranno un’ulteriore occasione per presentare i propri vini e il loro territorio a un vasto pubblico di addetti ai lavori.
Un pubblico che, parallelamente alla crescita del turismo verso il nostro Paese, manifesta sempre più interesse nei confronti di tutto ciò che è made in Italy e in particolare per il vino, punta di diamante del nostro export, il cui consumo sta rapidamente prendendo piede, soprattutto tra il ceto più elevato, le élite culturali, le classi medie e i giovani delle principali città.

Prova ne è l’espansione vertiginosa del mercato nell’ultimo decennio: i valori delle esportazioni italiane sono passati dai 65,5 milioni di euro del 2009 ai 104 milioni del 2010, con un aumento pari a quasi il 60%. E le previsioni indicano che esistono i presupposti per un consistente aumento dell’attuale quota di mercato, stimabile nell’ordine del 24% entro il 2012.
Questo anche in seguito alla chiusura, nel 2006, delle frontiere russe ai vini georgiani e moldavi, uno scenario inedito che creato nuove opportunità per i produttori locali e per quelli esteri nella fascia dei prodotti a prezzo contenuto. A ciò si aggiunge lo sviluppo della grande distribuzione, inesistente fino a dieci anni fa, che ad oggi rappresenta il 50% dei canali di vendita del vino, accanto alla ristorazione e alle enoteche, ma è destinata ad aumentare nei prossimi anni.
Eleonora Scholes, uno tra i più importanti giornalisti enologici russi, esperta delle dinamiche di mercato, non ha dubbi: il vino importato in Russia parlerà sempre più italiano.
Ne sono un affidabile indicatore le affinità culturali tra i due popoli, nonché l’ammirazione dei consumatori russi per il nostro lifestyle. «Per dare una corretta connotazione a questo processo - aggiunge - occorre comunque aumentare l’attività di formazione degli operatori locali e continuare a pianificare azioni di consolidamento dell’immagine complessiva del made in Italy».
Infine, sarà necessario saper garantire affidabilità selezionando buyer seri e supportarli con una sempre maggiore presenza dei produttori sul territorio. Il valore aggiunto della presenza fisica può rivelarsi strategico, addirittura straordinario se, oltre a Mosca e San Pietroburgo, verranno prese in considerazione le altre dieci città russe con più di un milione di abitanti.
«Del resto, – ricorda la Scholes – nel 2014 si svolgeranno le Olimpiadi Invernali a Sochi, un’occasione d’oro per promuovere i vini italiani in un’area turistica molto interessante».


Verona, 18 maggio 2011

 

I.E.M. (International Exhibition Management)
via Saval 21/c - 37124 – Verona
Tel. + 39.045.303264 - Fax +39.045.8303296
Web site: www.simplyitaliangreatwines.com
                 www.iem.it

Ufficio stampa
Daniela Giorgi
Mob. +39.339.7502352
Mail to: d.giorgi@gfpartners.it

 

  Torna alle News                Programma