GIANCARLO VOGLINO INTERVIENE AL TALK SHOW “ENERGIA PER IL VINO!”

Scarica il comunicato stampa in formato pdf

La prima regola per affrontare un nuovo mercato è studiarlo a fondo analizzando bene le proprie potenzialità” ha così esordito Giancarlo Voglino, managing director di IEM, chiamato a illustrare le strategie per affrontare con successo i mercati esteri.

Nel corso del suo intervento nel talk show “Energia per il Vino!” organizzato da Civiltà del Bere durante l’evento Who’s Who in Wine – Protagonisti a Milano Voglino ha sottolineato come “il vino italiano ha ancora moltissime possibilità di crescere all’estero e ci sono ancora molti mercati da esplorare o su cui lavorare. Ma le aziende devono conoscerli, devono prepararsi ed affrontarli con umiltà, preparazione e in modo strategico”.

Il suggerimento rivolto alle cantine dunque è quello di essere ricettive, studiare i mercati e i trend che li caratterizzano. “Senza un’adeguata preparazione non c’è possibilità di successo. Ma non bisogno neppure aspettarsi un successo immediato. Le aziende devono affacciarsi a un nuovo paese con attenzione, perseveranza e umiltà, con la consapevolezza che ci vuole tempo e sacrificio prima di ottenere risultati stabili".

E un’altra regola “La cantina deve mantenere un presidio attivo sul territorio, deve far percepire la propria presenza; non è sufficiente affidarsi solo al distributore”.

Con oltre 445 eventi realizzati in giro per il mondo accompagnando più di 2.000 aziende vinicole italiane in 30 Paesi e presentando l’eccellenza dell’offerta enoica a 162.000 operatori specializzati tra importatori, distributori, buyer, sommelier, giornalisti e opinion leader, Giancarlo Voglino conosce perfettamente l’andamento del vino italiano all’estero “tra i mercati più ricettivi ci sono sicuramente Canada e Stati Uniti, due Paesi con grandi peculiarità e differenze, anche al proprio interno: qui c’è ancora molto da scoprire!


RASSEGNA STAMPA
Civiltà del bere - Who's Who in Wine